Page images
PDF
EPUB

vocato Quaestore, Libemus, inquit, Jovi Liberatori. Specta juvenis: et omen quidem Dii prohibeant; ceterum in ea tempora natus es, quibus firmare animum expediat constantibus exemplis. Post, lentitudine exitus graves cruciatus adferente, obversis in Demetrium .....

mo, disse , a Giove Liberatore. Contempla, o giovane; e gli Dii pure il presagio stornino: ma in tali tempi nascesti, che gli è spediente rinforzar l'animo con forti esempj. Dandogli quindi il lento sgorgar del sangue tormenti atroci, volto a Demetrio....

Annali Tom. III.

30

C. CORNELII
T A CITI

HISTORIARUM

LIBER PRIMUS

1. I nitium mihi operis Ser. Galba iterum, T. Vinius Consules erunt. Nam post conditam urbem DCC et. XX prioris aevi annos multi auctores retulerunt ; dum res Populi Rom. memorabantur, pari eloquentia ac libertate ; postquam bellatum apud Actium, atque omnem potestatem ad unum conferri pacis interfuit, magna illa ingenia cessere. Simul veritas pluribus modis infracta; primum inscitia Reip. ut alienae , mox libidine assentandi, aut rursus odio adversus dominantes . Ita neutris cura posteritatis , inter infensos vel obnoxios. Sed ambitionem Scriptoris facile adverseris: obtrectatio et livor pronis auribus accipiuntur. Quippe adulationi foedum crimen servitutis, malignitati falsa species libertatis inest. Mihi Galba, Otho,Vitellius, nec beneficio, nec injuria cogniti. Dignitatem nostram a Vespasiano inchoatam, a Tito auctam, a Domitiano longius provectam, non abnuerim: sed incorruptam fidem professis, nec amore quisquam, et sine odio dicendus est. Quod si vita

DI

Ĉ CORNELIO TACITO

LIBRO PRIMO

. 1. Sergio Galba per la seconda volta e Tito Vinio Consoli daran principio a quest'opera. Poichè dopo la fondazione di Roma, molti narrarono i settecento vent'anni dell'età prima ,, sinchè le cose Romane con eloquenza e libertà pari rammemoravansi : posciachè ad Azio fu combattuto, e recar tutto in balia d'un solo ad aver pace convenne, que'grand'ingegni piegarono '. Fu pure in più modi guasta la verità, prima per ignoranza della repubblica, come straniera; per voglia poi di blandire, o ancor per odio a’signoreggianti. Così tra ligj e maligni niuno ebbe cura della posterità. Ma facilmente le piaggerie d'uno storico ributterai; il biasimo ed il livore a piene orecchie ricevonsi : perchè l' adulazione ha mal nome di servitù, la maldicenza di libertà falsa immagine. Io non conobbi Galba, Ottone, Vitellio nè per favore, nè per ingiuria . Non niegherò la mia dignità cominciata da Vespasiano, accresciuta da Tito, oltre promossa da Domiziano. Ma uom di fede incorrotta di chicchessia nè con amore dee scrivere, e senza malignità.

[graphic]
« PreviousContinue »